I benefici fiscali per le donazioni attraverso la Fondazione Italia per il Dono

Le persone fisiche possono scegliere se:

  • detrarre dalle proprie imposte il 26% dell’importo donato per un importo massimo complessivo annuale pari a 2.065 euro (Art. 15, comma 3 della Legge n. 96 del 6/07/2012);
  • dedurre dal proprio imponibile l’importo donato sino al 10% del loro reddito con un massimale di 70.000 euro (Art. 14, comma 1 del D.L. 35 del 14/03/2005 convertito in legge n.80 del 14/05/2005)

Dato che l’aliquota più bassa è il 23%, destinata a chi ha un reddito inferiore ai 15.000 euro, e che ad essa è necessario aggiungere le addizionali regionali e comunali la cui somma è, di norma, superiore all’1%, la soluzione più vantaggiosa è quasi sempre la deduzione dal reddito. Per fare un esempio, per chi ha un reddito superiore ai 28.000 euro ed inferiore ai 55.000 il beneficio sarebbe pari quasi al 40% dell’importo donato, ossia per una donazione di 1.000 euro il donante riceverà un rimborso da parte dello Stato pari a circa 400 euro (il dato esatto dipende dal valore delle aliquote regionali e comunali che è in funzione della residenza dei donanti) rispetto ad un beneficio di 260 euro per chi scegliesse la detrazione. Naturalmente, più il reddito si alza, più il beneficio aumenta.

La imprese possono scegliere se:

  • dedurre dal proprio imponibile le proprie donazioni sino al 2% del reddito (Art. 100, comma 2 lettera h, del DPR 917/86, modificato dal D.Lgs 344/03);
  • dedurre dal proprio imponibile l’importo donato sino al 10% del loro reddito con un massimale di 70.000 euro (Art. 14, comma 1 del D.L. 35 del 14/03/2005 convertito in legge n.80 del 14/05/2005)

La prima soluzione è più conveniente solo per le imprese che hanno un reddito superiore ai 3,5 milioni di euro.

Per poter usufruire del beneficio fiscale la donazione deve essere fatta in modo tracciabile (bonifico, assegno, carta di credito, bollettino postale) e non può mai essere fatta in contanti.

Il donante deve allegare alla propria dichiarazione dei redditi copia della documentazione bancaria attestante la donazione ed eventualmente, ma non è necessario, la ricevuta da parte della Fondazione. Mentre la documentazione bancaria è sufficiente per ottenere il beneficio, la ricevuta da parte della Fondazione senza documentazione bancaria non è sufficiente.